La revisione di un piano di Business Continuity a seguito di una fusione aziendale

Le acquisizioni e le fusioni portano sempre in dote grattacapi. C’è da rivedere l’organigramma, riorganizzare le divisioni aziendali, i flussi di lavoro e, soprattutto, uniformare il sistema informativo. Si tratta di attività estremamente delicate e onerose in termini di tempo e risorse. La revisione e l’unificazione della piattaforma informatica, inoltre, è ormai da considerare a monte della riorganizzazione aziendale, dato che assume un valore strategico fondamentale. Spesso ci si trova di fronte a strutture eterogenee, obsolete e incompatibili, per cui il colpo di spugna potrebbe essere la soluzione più veloce ed efficace. Ma non sempre a una fusione corrisponde una disponibilità di budget a disposizione dei responsabili dei sistemi informativi. In caso di fusioni aziendali, il colpo di spugna all’infrastruttura IT non è quasi mai contemplato. Il valore della distribuzione geografica dei data center Uno Informatica ha avuto l’opportunità di intervenire in un importante progetto di unificazione dei sistemi aziendali a seguito dell’incorporazione di tre realtà nell’ambito della Grande Distribuzione Organizzata. In particolare, l’azienda è stata coinvolta in un progetto di Business Continuity in cui si sarebbe dovuto rivedere il flusso di Backup e di Disaster Recovery all’interno di una nuova distribuzione dei data center. La situazione iniziale prevedeva una gestione della Business Continuity certamente non ottimale, addirittura con repliche previste sullo stesso luogo. La replica su hardware posto a poca distanza è una pratica ancora troppo diffusa tra le medie imprese italiane. Spesso per mancanza di un’opportuna analisi a priori e per la necessità di un veloce adeguamento alla compliance, si ricorre alla soluzione più rapida, che è anche la più sconsigliata. È decisamente consigliabile, infatti, che una replica di dati all’interno di un progetto di Disaster Recovery e/o Business Continuity si preveda su due o più data center posti a una certa distanza geografica. Oggi, fortunatamente, grazie alla continua riduzione del costo di archiviazione, alla maggiore disponibilità di data center in outsourcing sul territorio italiano e alla totale affidabilità delle infrastrutture in cloud ibrido, si può garantire una Business Continuity efficace a costi ridotti. Un’attenta analisi di previsione con Capacity Planning Nel caso in esame, Uno Informatica ha subito applicato Capacity Planning, il suo tool proprietario di analisi e previsione, per avere un’idea precisa del carico di dati da gestire tra un data center e l’altro, nel presente e nel futuro. Inoltre, si è deciso di utilizzare IBM Spectrum Control, tool software per il monitoraggio, l’automazione e l’analisi di ambienti di storage di più fornitori. Una volta definita la visione completa, Uno Informatica ha proposto al cliente le priorità di intervento. La base di partenza era una piattaforma di gestione storage non IBM che si sarebbe rivelata non più all’altezza delle nuove esigenze. Esigenze di High Avaliability espressamente richieste dal cliente. Per questo l’intervento di revisione ha dovuto comprendere anche l’hardware e, di comune accordo, si è scelto di riprogettare l’intero ambiente su System & Storage basato su piattaforma IBM Power 8 e relativi applicativi IBM di gestione del backup e del recovery. Le esigenze di High Avaliability [...]